Vacanze Manfredonia

Informazioni utili

manfredoniaMercato settimanale: mercoledì 
Santo patrono: San Lorenzo Maiorano, Maria SS. di Siponto e San Filippo Neri 
Festa patronale: 7 febbraio, 22-30 agosto 
Abitanti: manfredoniani o sipontini 
Come si raggiunge: A 14, uscita al casello Foggia, poi SS 89 Foggia Manfredonia 
Guardia medica: 0884/510216 
Frazioni: Siponto, Riviera SudTomaiuolo, Ruggiano, Borgo Mezzanone

Cenni storici

Manfredonia fu voluta dal re svevo Manfredi, che pose la prima pietra nel 1256, in seguito alla distruzione e all'aria malsana di Siponto.

Lo stesso re svevo avviò la costruzione del castello, ma non ne vide la conclusione perché morì durante la battaglia di Benevento, sconfitto dalle truppe di Carlo d'Angiò che cambiò nome alla città, trasformandolo in Sypontum Novellum.

Ma il nuovo nome non ne cambiò il destino, che non fu diverso da quello di tante altre città del Mediterraneo con una storia di violenze infinite, tra una dominazione e l'altra.

L'alba del 16 agosto del 1620 fu, forse, la più tragica per l'antica città: ben cinquantasette galee turche approdarono sulle sue rive e riversarono sulle spiagge feroci guerrieri che in tre giorni uccisero, saccheggiarono, violentarono e fecero grande bottino di tutto ciò che vi era di prezioso nella città che, infine, distrussero.

Di Manfredonia non rimase altro che il grande castello svevo e i resti delle mura. Si contarono, alla fine dei tre giorni, circa duemila morti e un gran numero di feriti. Lentamente la città risorse. Uno dei promotori della rinascita fu l'arcivescovo Orsini, il futuro papa Benedetto XIII. La cattedrale fu ricostruita sui resti del duomo angioino, così come le chiese e i conventi di San Francesco, di Santa Chiara, di Santa Maria delle Grazie e il campanile; così come risorse la chiesa di San Domenico, tipico esempio di stili diversi e sovrapposti, tra romanico e gotico.

Monumenti e chiese

A circa 3 chilometri da Manfredonia vi è la cattedrale dell'antica Siponto, del 1117, a pianta quadrata, con due absidi e un portale di pregevole fattura. La chiesa di San Leonardo faceva parte di un complesso di abbazie dei cavalieri Teutonici del 1000-1100 con un magnifico portale.

La chiesa di San Domenico conserva dell'originario impianto gotico la base perimetrale, la facciata con affreschi del Trecento e una nicchia con bifora. L' interno è del Seicento e del Settecento. La cattedrale, intitolata a san Lorenzo Maiorano, fu terminata nel XVII secolo, con l'abside sormontata da una cupola di pregevole fattura artistica.

Tra i beni sacri vi sono l'icona e la statua lignea della Madonna di Siponto e il crocifisso, anch'esso in legno, del XIII secolo. La chiesa di San Benedetto è nel centro storico di Manfredonia, derivata dalla trasformazione del vecchio palazzo pretoriano, dove si amministrava la giustizia. Dopo i fatti del 14 agosto del 1620, divenne sede delle monache celestine che cominciarono la trasformazione del vecchio palazzo abbattendo le strutture interne. E’ a una sola grande navata con una volta semicilindrica, un presbiterio e quattro altari lungo le pareti. Degni di nota sono le tele e il crocifisso in legno. La chiesa di San Francesco, costruita nel 1348, fu riedificata nel 1755, a causa dei fatti del 1620.

Il castello è una magnifica struttura dotata di tre torri circolari, di un bastione, detto dell'Annunziata, e di spesse mura. Oggi è sede del Museo Archeologico Nazionale. Altri edifici di interesse artistico e storico sono il palazzo Delli Santi, che ospitò Ferdinando II; palazzo de Florio, del XV secolo; palazzo Cessa, che ospitò Pietro Giannone nel 1723; convento dei Cappuccini, famoso per la conversione di san Camillo de Lellis nel 1575; palazzo Celestini, vecchia sede del convento dei Celestini; convento dei Domenicani, oggi sede del municipio.

Eventi, feste e sagre

  • 17 gennaio: Mostra dell'artigianato del Gargano.
  • Febbraio: Carnevale.
  • 7 febbraio: Festa di San Lorenzo Maiorano.
  • Prima settimana di agosto: Festa del mare.
  • Prima settimana di agosto: Mostra dell'artigianato del Gargano.
  • 14 agosto: Carnevale Dauno.
  • Metà settembre: Sagra della pizza rustica.

Prodotti e piatti tipici

Un altro valido motivo per trascorrere le vacanze in Puglia è una visita specialmente gastronomica a Manfredonia; rinomato è il ragù del macellaio è un condimento della cucina tradizionale ottenuto da vari pezzetti di carni bovine, suine ed ovine, mentre lo stufato di bracioline è costituito da un involucro di carne di vitellone o di cavallina e da un ripieno composto di prosciutto, prezzemolo, pecorino, aglio, caciocavallo piccante a pezzetti, pepe, sale, peperoncino rosso.

Molto apprezzati sono i polpi, le murene, le spigole, i dentici, le triglie di tutte le misure (le agostinelle del golfo), i calamari, le seppie, le orate, le sogliole, gli sgombri, le anguille, i prelibati frutti di mare.

Fra i formaggi meritano di essere citati latticini di pecora, di vacca, di bufala, mozzarelle, scamorze, pecorino fresco e stagionato, provolone, burrate, manteche, ricotte.

La farrata è un rustico di sfoglia di pasta, riempito di grano macerato, di ricotta e di essenze estratte da erbe del monte Gargano. Le sue origini risalgono alla focaccia di farro in uso presso i Romani per la celebrazione delle nozze tra nobili. La farrata è legata tradizionalmente ai riti del Carnevale.

Soluzioni per la tua vacanza

Copyright

Pugliaviaggi scrl,
sede legale via Soleto 82,
73025 Martano (Lecce)

Partita Iva: 04094370758
Studio di promozione pubblicitaria
Agenzia di intermediazione

Contatti

info (@) pugliaviaggi.com