Vacanze Carpignano Salentino

 Informazioni utili

carpignano salentinoMercato settimanale: sabato
Santo patrono: Sant'Antonio e la Madonna "della Grotta"
Festa patronale: 3 luglio
Abitanti: carpignanesi
Come si raggiunge: SS 16, tangenziale ovest di Lecce, SS 16 uscita Zollino, Martano
Guardia medica: 0836/571267

Cenni storici

Le origini di Carpignano Salentino vanno fatte risalire agli albori della civiltà rupestre del Salento e probabilmente anche a tempi più remoti, come sembrano comunicare i tre monumenti megalitici dei Menhir sparsi per il paese.

Le vicinanze con la via Traiana-Costantiniana Lecce-Otranto confermano la presenza romana nella zona, mentre la cripta bizantina di S. Caterina segna il passaggio dei bizantini. Intorno al IX-X secolo è dato per certo l’arrivo dei monaci basiliani in fuga dall’oriente che ripararono nei territori ellenofoni. Sotto i normanni, il centro, per concessione del Re Tancredi, fu infeudato ad Anastasio Marescallo e successivamente acquistato dal Personè nel 1574.

Fu possesso di Antonio Felice Ghezzi a partire dal 1663 anno in cui il re di Napoli, Filippo III, concesse al Ghezzi il titolo di Duca. La storia carpignanese è poi giunta fino ai nostri giorni senza essere caratterizzata da particolari vicende e ricalcando, in un certo qual modo, la medesima evoluzione di molti altri comuni del Salento: il lento incedere del mondo contadino e la sua povertà, ma anche la cultura e l’intelligenza di alcuni signori locali che hanno fatto le fortune e le sventure dei loro concittadini.

Monumenti e chiese

Esistono più motivi per cui vale la pena trascorrere qualche giorno delle vostre vacanze in Puglia a Carpignano. Uno di questi è sicuramente l’alta concentrazione di bellezze artistiche presente nel piccolo paesino. Tra queste vanno annoverate il palazzo ducale, la chiesa di S. Giorgio, la chiesa Parrocchiale con il suo mosaico pavimentale e l’imponente palazzo Lubelli. La struttura risulta ancora in possesso di alcuni tratti dell’antica bellezza ed è oggi palcoscenico di eventi culturali come “L’olio della poesia”, manifestazione durante la quale poeti come Sanguineti, Raboni, Luzi, e Alda Merini hanno cantato la bellezza delle nostre terre.

Percorrendo le stradine lastricate del centro storico è possibile scorgere piccoli palazzi abbelliti da magnifici portali, da stemmi, da cortili, da balconate e finestre recanti architravi con date e motti latini.

I veri gioielli però da non perdere, se in vacanza a Carpignano Salentino, sia d'estate che d'inverno, sono l’austera torre colombaia più grande del Salento e la Cripta bizantina di Santa Cristina. Composta da due ambienti, ai quali accedere tramite due differenti scale, conserva tuttora magnifici affreschi alcuni dei quali risalenti al 959 d.C. ed attribuiti al pittore Teofilato.

Altre composizioni sono invece attribuite all’Eustazio come il Cristo in trono e la Madonna col Bambino, parte entrambi di un ciclo ben più grande databile intorno al 1020.

Soluzioni per la tua vacanza

Copyright

Pugliaviaggi scrl,
sede legale via Soleto 82,
73025 Martano (Lecce)

Partita Iva: 04094370758
Studio di promozione pubblicitaria
Agenzia di intermediazione

Contatti

info (@) pugliaviaggi.com